la voce del lago

_MG_1712
_MG_1712
_MG_1755
_MG_1755
_MG_1756
_MG_1756
_MG_5100
_MG_5100
_MG_1759
_MG_1759
_MG_1790
_MG_1790
_MG_1794
_MG_1794
_MG_1762
_MG_1762
_MG_4552
_MG_4552
_MG_5086
_MG_5086
_MG_4600
_MG_4600
_MG_4591
_MG_4591
_MG_4586
_MG_4586
_MG_5029
_MG_5029
_MG_5045
_MG_5045
_MG_5039
_MG_5039
_MG_5040
_MG_5040
_MG_5043
_MG_5043
_MG_5056
_MG_5056
_MG_5111
_MG_5111
_MG_5097
_MG_5097
_MG_5072
_MG_5072
_MG_5082
_MG_5082
_MG_5087
_MG_5087
_MG_5103
_MG_5103
_MG_5106
_MG_5106
_MG_5117
_MG_5117
_MG_5125
_MG_5125
_MG_5119
_MG_5119
_MG_5123
_MG_5123
_MG_5903_ok
_MG_5903_ok
_MG_5909_ok
_MG_5909_ok
_MG_5919_ok
_MG_5919_ok
_MG_5102
_MG_5102
_MG_8994
_MG_8994
_MG_8998
_MG_8998

 

“La Voce del Lago”.
Castello Oldofredi, Iseo (2012). Stampe Fine Art dell’autore.    

“Non è la grandiosità della scena – orizzonti infiniti – , non il suono del romantico mare: parla il sospiro del lago, discreto. Il lago e le sponde comunicano, se ascoltiamo, attraverso toni leggeri, attimi di silenzio, usando linee ed equilibri come pause e accenti in un discorso. Ho provato un modo di stare sulle rive che induce all’introspezione, ad un senso di pace che facilmente sfuma nella melanconia. Perché il lago è delimitato e “finito”, come finiti siamo noi. Non slancia verso sentimenti trascendenti (l’infinito delle stelle nel cielo è una finestra su una dimensione incomprensibile), ma restituisce il riflesso della nostra immanente condizione, della nostra vita limitata. Sulle sponde del Garda e dell’Iseo ho raccolto i colori e le sensazioni portate dalle acque fredde, il languore di un orizzonte chiuso da montagne lattiginose sullo sfondo. Le immagini così nate vorrebbero raccontare la voce del lago, sommessa e spesso sommersa dagli schiamazzi delle gite domenicali e dei bagni estivi.”